MAESTOSO E IMPONENTE: IL PLATANO

MAESTOSO E IMPONENTE: IL PLATANO
EssencePlatanus Acerifolia
BirthplaceRecoaro Terme VI – Italy
Estimated age180 anni
DimensionsLungh. 382 cm Largh. 117/155 cm Spess. 75 mm
Particular signsLegno rosato con effetto squamato detto “a pelle di serpente”

ORIGINE

Il Platanus Orientalis, originario dell’Iran (Teheran che significa “luogo dove crescono i platani”) in tutto l’Oriente è considerata una pianta sacra, simbolo di Dio e pertanto piantata vicino ai templi e alle fonti.

Il Platanus Occidentalis è invece il più grande albero latifoglia originario del Nord America, ed è stato importato in Europa nel 1636. Nell’orto botanico di Oxford le due specie si incrociarono spontaneamente, generando il Platano Comune (Platanus Acerifolia).

CARATTERISTICHE

Il platano comune è un enorme ombrellone vegetale estivo in grado di raggiungere e superare i 30 metri di altezza.

In natura il tronco è relativamente breve rispetto alla chioma che è molto estesa e folta.

Il nome della pianta deriva infatti dalla caratteristica grandezza delle foglie: “platys” in greco significa largo.

Caratteristiche importanti sono la tolleranza all’inquinamento e la resistenza alle potature, anche quelle molto drastiche.

STORIA

Si ritiene che il cavallo di Troia sia stato interamente costruito con legno di platano.

Già nell’antichità autori come Ateno, Plutarco, Plinio e Platone apprezzavano la sua folta chioma per la capacità di creare ombra e refrigerio nei caldi periodi estivi.

La sua ombra ha dato ristoro sia a mercanti e viaggiatori sia ai buoi e ai cavalli che trainavano i carri sui quali viaggiavano, rendendo così il tragitto meno faticoso.

Napoleone Bonaparte ordinò di bordare le strade francesi con i platani, in modo che i suoi soldati non fossero costretti a marciare sotto il sole. In seguito ciò si diffuse in quasi tutti i viali, parchi e piazze delle maggiori città europee.

Il platano comune rappresenta più della metà della popolazione arborea della città di Londra e quasi tutte le circonvallazioni di Milano sono alberate con questa essenza.

PARTICOLARITÀ

Nella seconda guerra mondiale, un fungo importato dall’america attraverso le cassette di munizioni, si è diffuso ed ha ucciso o compromesso tantissimi platani storici di molte città come ad esempio Prato della valle a Padova e lungo molte strade.

TAVOLO

Questo tavolo è stato ottenuto dall’unica asse rimasta in Europa delle 13 ricavate da un platano comune, cresciuto per 180 anni a Recoaro Terme. Le altre 12 assi invece sono state destinate al mercato orientale del Vietnam. Questo secolare platano è stato abbattuto dai Vigili del Fuoco nel settembre del 2017, per motivi di pubblica sicurezza. Infatti i noti cambiamenti climatici degli ultimi tempi con i forti venti e le tempeste violente stanno mettendo a rischio molti alberi monumentali in tutta Italia.

Considerata la sua notevole dimensione è stato trasportato a Arzignano, a qualche chilometro da Recoaro, nell’unica segheria in grado di lavorare un tronco così grosso. A parte il taglio e la calibratura dell’asse, tutte le lavorazioni sono state eseguite a mano: levigatura, carteggiatura, resinatura e trattamento di più mani di olio cera. Quest’ultima importante per dare risalto alla colorazione e agli effetti caratteristici di questa essenza. Il tavolo finito si completa con una prolunga di ferro che ne esalta ancora di più le dimensioni, mentre il tipico effetto squamato del legno di questo tipo di Platano, definito “effetto pelle di serpente” lo arricchisce rendandolo unico, esclusivo e irripetibile.

UNICITÀ

La trama del legno del Platano è molto decorativa. L’effetto squamato viene comunemente detto “pelle di serpente”, mentre nei paesi anglosassoni il termine usato è “Lacewood” cioè legno di pizzo.

CURIOSITÀ

Si narra che fu proprio un Platano a nascondere nel suo tronco cavo il serpente dell’Eden e che per punizione la sua corteccia assunse le caratteristiche della pelle squamata del rettile.

Il primo tessuto mimetico progettato tra il 1937 e il 1942 per camuffare le uniformi e i rifugi militari fu ispirato dai motivi della corteccia del platano.

Codice PLU185ITA

Contattateci per maggiori informazioni su questa creazione, o chiedeteci una proposta su misura per il vostro spazio, le vostre esigenze e il vostro stile, con le essenze della selezione Tabula.

MAJESTIC AND IMPRESSIVE: THE PLANE TREE

ORIGIN

Platanus Orientalis, native to Iran (Teheran meaning “place where plane trees grow”), is considered sacred throughout the East, symbolizing God and therefore planted near temples and springs.

Platanus Occidentalis, on the other hand, is the largest broadleaf tree native to North America and was imported to Europe in 1636. In the Oxford Botanic Garden, the two species spontaneously crossed, generating the London Plane (Platanus Acerifolia).

CHARACTERISTICS

The London Plane is a massive summertime foliage umbrella that can reach and surpass 30 meters in height.

In nature, the trunk is relatively short compared to the extensive and dense canopy.

The plant’s name derives from the characteristic largeness of its leaves: “platys” in Greek means wide.

Important features include tolerance to pollution and resistance to pruning, even the most drastic.

HISTORY

The Trojan Horse is believed to have been entirely constructed from plane wood.

In ancient times, authors such as Atheno, Plutarch, Pliny, and Plato appreciated its dense canopy for its ability to create shade and coolness during hot summer periods.

Its shade provided relief to both merchants and travelers and to the oxen and horses pulling the carts they traveled in, making the journey less strenuous.

Napoleon Bonaparte ordered French roads to be lined with planes so his soldiers would not have to march under the sun. Later, this practice spread to almost all avenues, parks, and squares in major European cities.

The London Plane accounts for more than half of London’s tree population, and almost all the ring roads of Milan are lined with this essence.

UNIQUENESS

During World War II, a fungus imported from America through ammunition crates spread and killed or compromised many historical planes in several cities, such as Prato della Valle in Padua and along many roads.

TABLE

This table was obtained from the only remaining board in Europe of the 13 obtained from a London Plane, grown for 180 years in Recoaro Terme. The other 12 boards were destined for the eastern market in Vietnam. This centuries-old plane was felled by the Fire Brigade in September 2017 for public safety reasons. In fact, the well-known climate changes of recent times, with strong winds and violent storms, are putting many monumental trees at risk throughout Italy.

Considering its remarkable size, it was transported to Arzignano, a few kilometers from Recoaro, to the only sawmill capable of working on such a large trunk. Apart from cutting and calibrating the board, all the work was done by hand: sanding, smoothing, resin coating, and treatment with multiple coats of wax oil. The latter is important to highlight the color and characteristic effects of this essence. The finished table is complemented by an iron extension that further enhances its dimensions, while the typical scaly effect of the wood of this type of Plane, called “snake skin effect”, enriches it, making it unique, exclusive, and unrepeatable.

UNIQUENESS

The texture of Plane wood is highly decorative. The scaly effect is commonly called “snake skin”, while in Anglo-Saxon countries the term used is “Lacewood”, i.e., lace wood.

CURIOSITIES

It is said that it was a Plane tree that hid the serpent of Eden in its hollow trunk, and as punishment, its bark took on the characteristics of the reptile’s scaly skin.

The first camouflage fabric designed between 1937 and 1942 to camouflage uniforms and military shelters was inspired by the patterns of Plane bark.

Code PLU185ITA

Contact us for more information on this creation, or ask us for a tailor-made proposal for your space, your needs, and your style, with the essences from the Tabula selection.

CREIAMO INSIEME

UN’EDIZIONE LIMITATA AD UN UNICO ESEMPLARE:
IL TUO TAVOLO O PEZZO D’ARREDO

Credits


Art Direction:
Claudia Sani Studio
Web design & development:
Grafica 360
Photo & 3D:
Ikon Productions
Copywriting:
Alessandra Danesin
Traduzioni:
Studio INTRA

Questo si chiuderà in 0 secondi